The Best Movies 2012 – Pos. 30-21


Pronti per il secondo episodio dell’attesissima classifica dei film migliori del 2012 visti secondo l’irrispettabilissima opizione del sottoscritto? Se vi siete persi il primo episodio lo potrete trovare cliccando qui. Ma ora, via con le posizioni dalla 30 alla 21!

30-17 ragazze

Regia: Delphine Coulin, Muriel Coulin
Genere: Drammatico
Leggi la mia RECENSIONE

Un film al femminile se ce ne è uno. Un film dagli intenti alquanto strani che vuole raccontare una storia altrettanto strana. Gli uomini, quei pochi che sono presenti nel film, ne escono con le ossa rotte e altri totalmente ignorati.

Miglior personaggio: Camille interpretata da Louise Grinberg

29-Hesher è stato qui

Regia: Spencer Susser
Genere: Drammatico, Commedia nera
Leggi la mia RECENSIONE

Film che più per la storia che racconta, merita molta attenzione per il suo personaggio principale, Hesher. Un rocker metallaro stronzo come pochi, ma con un animo buono, che grazie alla sua assoluta irriverenza riesce a risollevare una famiglia totalmente devastata. Trama abbastanza esile, personaggio principale perfetto!

Miglior personaggio: Hesher interpretato da Joseph Gordon Levitt

28-Red Lights

Regia: Rodrigo Cortès
Genere: Thriller
Leggi la mia RECENSIONE

Un thriller con poche aspettative e pochissime pretese. Un buon cast, tra cui spiccano Robert De Niro, Cyllian Murphy e Elizabeth Olsen, e una regia che riesce nell’intento di creare la giusta tensione per un film che si rivelerà abbastanza valido alla fine dei giochi. Cliffhanger finale un pochino telefonato.

Miglior personaggio: Simon Silver interpretato da Robert De Niro

27-Twixt

Regia: Francis Ford Coppola
Genere: Horror, Thriller
Leggi la mia RECENSIONE

Un Francis Ford Coppola minore che anche qui ci regala un film senza particolari pretese, ma che, alla fine dei giochi, si rivelerà una produzione assai valida ed intrigante. Di pregevole fattura la fotografia e la narrazione. Finale un po’ incomprensibile, non tanto per ciò che succede quanto più che altro per la sua utilità. Mi è quasi sembrato che non sapessero come farlo finire questo film.

Miglior personaggio: V interpretata da Elle Fanning

26-Sinister

Regia: Scott Derrickson
Genere: Horror
Leggi la mia RECENSIONE

Uno degli horror più tesi visti nel corso di quest’anno, capace in alcuni momenti di farmi provare la paura, quella vera. Pochi spaventi improvvisi, che sono la rovina del cinema horror (anche se comunque ce n’è qualcuno di troppo), e molta molta costruzione del clima. Mostro del film poco credibile, più che altro per come è stato disegnato. Forse sarebbe stata una scelta migliore lasciarlo nell’ombra.

Miglior personaggio: Ellison Oswalt interpretato da Ethan Hawke

25-The Avengers

Regia: Joss Whedon
Genere: Supereroi
Leggi la mia RECENSIONE

Uno dei film più attesi dell’anno, riesce a regalarci una storia divertente e dei bei siparietti comici, che si riveleranno alla fine il punto di forza del film secondo me. Sprecatissimo invece l’uso del 3D e film decisamente troppo lungo per il suo genere.

Miglior personaggio: Tony Stark/Iron Man interpretati da Robert Downey Jr. & Loki interpretato da Tom Hiddleston

24-Detachment – Il distacco

Regia: Tony Kaye
Genere: Drammatico
Leggi la mia RECENSIONE

Una storia difficile, forse troppo, ma un film girato veramente molto molto bene. Bella la tecnica dell’intervista al protagonista, molto riflessiva e che ci fa capire qualcosa di più sul suo personaggio. Ritmi un po’ troppo lenti per i miei occhi, ma nonostante tutto un bel film.

Miglior personaggio: Erica interpretata da Sami Gayle

23-La faida

Regia: Joshua Marston
Genere: Drammatico
Leggi la mia RECENSIONE

Più che un bel film questa è una bella (o forse meglio dire brutta) storia, un bel (o forse è meglio dire brutto) documento riguardo come un gesto fatto da qualcuno può letteralmente rovinare la vita di persone che non c’entrano niente con il gesto fatto. Delle buone interpretazioni e un buon coinvolgimento emotivo.

Miglior personaggio: Nik interpretato da Refet Abazi

22-Ballata dell’odio e dell’amore

Regia: Alex de la Iglesia
Genere: Drammatico
Leggi la mia RECENSIONE

Un buonissimo film spagnolo che racconta in modo irriverente la pazzia di un uomo e come la sua escalation di violenza rovinerà non una, non due, ma ben tre vite. Ad un inizio scoppiettante ed assolutamente interessante si contrappone però una parte finale che non è all’altezza della prima parte. Scena finale invece tesissima e alquanto emozionale.

Miglior personaggio: Javier interpretato da Carlos Areces

21-Ted

Regia: Seth McFarlane
Genere: Commedia
Leggi la mia RECENSIONE

Il miglior film comico che ho visto da qualche anno a questa parte. Una commedia irriverente dominata in tutto e per tutto da un personaggio che in pochi, secondo me, dimenticheranno. A livello di trama il film ha poco, o quasi niente da dire, il canovaccio della commedia è molto classico, ma cavolo, quanto fa ridere!

Miglior personaggio: Ted

Annunci

Alcuni validissimi motivi per scatenare i propri istinti omicidi


Questo post non è un post strettamente cinematografico, anche se nasce dopo la serata di ieri passata al cinema a vedere Ted (per la seconda volta, la prima volta l’ho visto in inglese, ma siccome ieri c’era l’offerta film a 3 euro ho approfittato per portarci i miei amici).

Ora, io non sono un purista del silenzio assoluto nelle sale cinematografiche, tanto che quando guardo anche un film serio un qualche commentino mi scappa sempre, cercando sempre però di mantenermi nei limiti dell’educazione e del buon gusto. Ora, vedendo un film come Ted è normale che dei commenti scappino, è normale che ci sia del rumore fragoroso in sala per le risate.

Poi, sfiga vuole, che quando vai al cinema ti becchi sempre costantemente le peggio persone che ti si possano sedere di fianco, dietro, davanti, dappertutto. Persone per le quali mi chiedo tuttora se ci siano delle eccezioni sulla illegalità dell’omicidio in Italia. Ma son disposto anche a farmi giustizia da solo eh, non c’è problema!

Vi riporto ora alcune frasi dei personaggi pessimi che mi sono trovato di fianco e dietro ieri sera al cinema, con situazione del film in cui si sono presentate. Da qui in poi, se qualcuno non avesse ancora visto Ted ci potrebbero essere degli spoiler, quindi, nel caso, smettete di leggere.

Prima che inizi il film
Commento: “Dopo sto film mi verrà sicuro una voglia matta di farmi una canna”
Beh, detto da una persona che nella sua vita, ne sono quasi sicuro, il massimo della trasgressione sarà stato vedere un film vietato ai minori di 14 anni alla tenera età di 13 anni e undici mesi. In quel momento, avendo già visto in precedenza il film, mi era appena venuta voglia di spoilerargli ogni cazzo di battuta!

John apre il pacco di Natale in cui troverà Ted
Commento: “Gli hanno regalato Ted!”
No, in realtà io pensavo che gli avrebbero regalato un pony o un videogioco e se fosse stato così mi sarei fatto delle domande sull’aver sbagliato o meno la sala del cinema. D’altronde il titolo del film “Ted” non si rifà al nome del protagonista, ma è stato dato a caso perchè sembrava che con un titolo così il film potesse funzionare ed attirare gente.

Entra in scena Mila Kunis, che interpreta la fidanzata di John
Commento: CHE GNOCCA!
Ammetto di averlo fatto anche io questo commento, mantenendo comunque un certo decoro. Ma quando odi così spudoratamente delle persone ti darebbero fastidio anche se ti dessero 20 euro senza motivo.

Mila Kunis sta per ricucire Ted, che si era spezzato a metà
Commento: “Adesso lo cuce!”
Guarda, in una commedia del genere se c’è una cosa che proprio non mi aspetto è che il protagonista muoia, quindi probabilmente l’unico modo che mi verrebbe in mente per far tornare in vita un orsetto di peluche spezzato a metà è quello di ricucirlo. E poi, se non lo hai notato, sto guardando anche io il film, quindi non ho bisogno che tu mi faccia la telecronaca di quello che sta succedendo o sta per succedere. E, tra parentesi, io il film lo avevo già visto, quindi come aggravante hai il fatto che mi stai facendo sapere una cosa che già so e che sto per vedere per la seconda volta.

Weekend al Cinema! – 04.10.2012


Come pochi sapranno da questo mese in avanti in Weekend cinematografici saranno più lunghi! Tutte le uscite infatti sono state spostate al giovedì, invece del consueto appuntamento del Venerdì, fondamentalmente per amplificare l’effetto “primo weekend di proiezione” sui film di cartello. Ad ogni modo, seppure ci sia lo spostamento, il film che concentrerà tutta la massa di gente che andrà al cinema è uno e uno solo. Ed anche a ragione, visto che fa veramente pisciarsi addosso dal ridere! In realtà ce ne potrebbe essere un altro, ma io lo odio, pur non avendolo mai visto.

All’ultima spiaggia di Gianluca Ansanelli.
Filmettino italiano basato su un fittizio nuovo reality in cui vincerebbe la persona più disperata d’Italia. Con un cast che fa venire i brividi (e chi li conosce?) e un regista al suo esordio di cui mi fido veramente poco, le premesse per la buona riuscita di questo film non sono assolutamente buone. Se poi bisogna parlare della crisi anche al cinema mi viene la nausea al solo pensiero.

Padroni di casa di Edoardo Gabriellini.
Altra proposta italiana in questo weekend in cui, il sito di Comingsoon per spiegare la trama usa mezza pagina e da lì ancora non ho capito di cosa parla il film. Qui il cast, almeno nei due componenti principali, è già un po’ più affidabile (Valerio Mastrandrea ed Elio Germano), mentre il regista ha avuto una piccola carriera da attore in film che non ho proprio mai visto ed è al secondo impegno alla regia.

Un giorno speciale di Francesca Comencini.
Non so cosa dire su questo film, terza ed ultima proposta italiana per questo weekend cinematografico, firmata da una Francesca Comencini che è un nome che mi risuona molto nella testa, ma andando bene a controllare non conosco nessuna delle sue opere precedenti. Nel cast figurano due illustri sconosciuti come Filippo Scicchitano e Giulia Valentini (un momento… Io conosco una Giulia Valentini, ma sono assolutamente certo non sia lei…).

Un sapore di ruggine e ossa di Jacques Audiard.
Uscita molto interessante della settimana, questo dramma thriller potrebbe rivelarsi davvero una bella visione. Il regista del film, Audiard, che non è al suo esordio in carriera, non lo conosco comunque, così come il cast, non essendo assolutamente ferrato sul cinema francese, anzi. Visione che comunque non mi precluderò.

Step Up 4 Revolution di Scott Speer.
Basta, vi prego, basta fare i film sulla gente che balla l’hip hop, un genere che sono anni che è confinato nelle sue solite quattro mossette e nei suoi soliti luoghi comuni. Basta. Rinnovatevi! Vabbeh, inutile dire che non ho visto il primo, il secondo e il terzo, non trovo nemmeno un motivo valido per vedere il quarto.

Ted di Seth McFarlane.
“Quando arriva il temporale, io lo aspetto qui. Ripeto le parole del mio rimbombamico: vaffanculo! Fammi un bel pippon. Tuono io lo so sei una scoreggia del ciel!”
Oh! Eccoci qua. Dopo mesi e mesi di sponsorizzazione è finalmente arrivato il giorno in cui esce uno dei film più divertenti dell’anno. E non lo dico perchè è stato megasponsorizzato e perchè è del regista dei Griffin, che io adoro. Lo dico perchè questo film l’ho già visto in inglese e, anche se in italiano, dovrete vedervelo pure voi. Risate di gusto assolutamente assicurate con Ted, un orsetto di peluche che… (ma che vi sto a dire la trama che tanto la sapete ormai a memoria). Guardatelo! E me lo riguarderò anche io!
Leggi la mia recensione

Ted


Ho scoperto quasi assolutamente per caso dell’esistenza di questo film, leggendo questo articolo. Vedendo poi che questa commedia è stata creata da Seth McFarlane, il genio creatore dei Griffin, di American Dad e di The Cleveland Show (il meno riuscito dei tre), non ho potuto esimermi dal concedergli una visione.

USA 2012
Titolo Originale: Ted
Regia: Seth McFarlane
Cast: Mark Wahlberg, Mila Kunis, Giovanni Ribisi, Patrick Warburton, Joel McHale, Jessica Stroup, Laura Vandervoort
Genere: Commedia

La trama in breve: John è un trentacinquenne. Da bambino era molto solo, tanto da desiderare che il suo orsacchiotto di peluche prendesse vita. Incredibilmente avveratosi il suo desiderio, i due sono cresciuti insieme, condividendo gran parte della vita di entrambi.

Probabilmente una delle commedie più originali tra quelle che sono uscite nel 2012. La comicità di Seth McFarlane, basata soprattutto sulla ricerca del non-sense e sull’essere politicamente scorretta, è una di quelle che più ho apprezzato negli ultimi anni, tramite i suoi cartoni animati ad episodi come i Griffin e American Dad.

In questo film l’influenza delle sue precedenti creazioni è più che evidente. La creazione delle situazioni comiche si basa soprattutto, ovviamente, sull’assurdità della presenza di un’orsacchiotto vivo. Cosa che il regista ha già usato più e più volte nei suoi cartoni animati: nei Griffin c’è Brian, il cane-umano, in American Dad ci sono un alieno e un pesce parlante, mentre in The Cleveland Show, il vicino di casa di Cleveland è un orso. E’ ovvio che queste sue creazioni geniali creino ancora di più l’effetto comico.

Questo suo nuovo personaggio, Ted, è un drogato ninfomane (senza pisello) che adora alla follia Flash. Condividendo tutte le sue esperienze con il migliore amico John, l’accoppiata riesce a farci ridere per tutta la durata del film, senza mai accusare un momento di stanchezza, come accade quasi sempre a tutte le commedie. Commedia che a livello puramente narrativo non offre certo grandi spunti di originalità, tutto si basa sul solito classico canovaccio.

Sono proprio le scene comiche ad avere quel qualcosa in più, che farà tanto ridere gli spettatori quando il film arriverà nel nostro Belpaese tra circa due mesi. Il consiglio, così come per tutti i programmi comici, sarebbe quello di guardarselo in lingua originale, ma sono sicuro che l’effetto “traduzione” non inficerà così tanto sulla comicità della storia raccontata.

Voto: 8+