Continuiamo con Alcatraz


Dopo aver visto le prime tre puntate di questa nuova serie tv di J.J. Abrams è tempo di fare qualche primissimo bilancio. Partendo da un giudizio poco poco tecnico. Mi piace. Ma mia sta piacendo proprio tanto. L’idea che sta alla base è secondo me fantastica, ci si possono creare molte molte cose e la fantasia di J.J. di sicuro non potrà deludere.

Intanto nei primi tre episodi si è scoperto che ci sarà un gran caso di stagione, visto che di scoprire il perchè i detenuti scomparsi nel 63 stiano tornando per ora non se ne parla neanche. Il caso si scopre nella prima puntata, quando il partner di Rebecca Madsen, la protagonista della serie, viene ucciso da un giovane, che nel corso della puntata si scoprirà essere un detenuto di Alcatraz, nonchè nonno di Rebecca (che aveva sempre creduto essere un secondino).

La cosa che salta subito all’occhio è che la trama orizzontale c’è, ma non è la parte preponderante e non si ha nemmeno tutta questa fretta di svilupparla. Per quanto a me siano sempre piaciute le serie con fortissimza trama orizzontale, questa scelta per ora si sta rivelando vincente. La procedura per ritrovare il criminale della settimana è costruita bene e sono ottime le alternanze tra la vita del criminale ora e la vita passata ad Alcatraz.

I tre criminali che ci sono stati presentati hanno funzionato più che bene. Il primo, Jack Sylvane, è stato un po’ uno specchietto per le allodole, serviva fondamentalmente a introdurre la trama dell’intera serie. Il secondo, Ernest Cobb, tra i tre per ora è stato decisamente il migliore. Serial killer e cecchino spietato, con ovviamente qualche turba psichica che in un serial killer non manca mai. Il terzo, Kit Nelson, omicida di bambini, ne ha uccisi 4 prima di essere imprigionato ad Alcatraz, il tutto per ripercorrere la vita trascorsa col fratellino, ucciso da lui stesso a 11 anni.

La serie per ora sta funzionando. Speriamo solo continui così. Ovvio che non farebbe male qualche riferimento in più alla trama orizzontale…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...